Archive for the Thin Lizzy Category

THIN LIZZY – JAILBREAK 1976

Posted in Thin Lizzy with tags , , on 19 aprile 2009 by blackout87

thin-lizzy

L’album “Jailbreak” del 1976 ha una copertina quasi fumettistica che sembra voler richiamare i supereroi della Marvel Corno, tanto in voga in quegli anni.

Il disco si apre con la canzone omonima, guidata da un riff a effetto immediato su cui si posiziona la voce seducente di Lynott. Ottimo anche il suono.

Non meno importante la successiva canzone “Angel From The Coast“, un proto – metal a due chitarre, con un ritmo di batteria indiavolato.

Running back” è invece una canzone accompagnata da un sax seducente, infatti incredibilmente piacevole .

In “Romeo And The Lonely Girl” Lynott scrive un’accurata  melodia che trova il punto di massima originalità nell’assolo di chitarra che accompagna il ritornello.

Dolcissima, a dispetto del titolo, è “Warrios” costruita su una serie di riff molto graffianti e poetici. Una malinconica ballata con qualche spunto di flamenco nei passaggi elettrici.

Il secondo lato è aperto dalla canzone simbolo dei Thin Lizzy “The Boys Are Back In Town“. Ricca di varianti e intrecci di chitarre, con parti cantante belle e affascinanti.

Tocca poi a “Fight Or Fall” mantenere alta la tensione mentre con “Cowboy Song” i Thin Lizzy ci consegnano un’altra grande canzone.

L’impatto della conclusiva “Emerald” sfiora la forza dell’heavy metal puro, ma con almeno cinque anni di anticipo, catturando però melodie liberatorie, come mai questo genere è stato in grado di fare .

Insomma un album veramente memorabile!!!

Annunci

THIN LIZZY

Posted in HARD ROCK/HAIR METAL, Thin Lizzy with tags , , on 16 aprile 2009 by blackout87

zap_lizzy

Phil Lynott è un cantante e bassista di Dublino per metà irlandese e per metà brasiliano. Fin dagli anni giovanili si lega con il batterista Brian Downey con il quale, dopo uno stage negli Skid Row, suona blues nei Sugarshack. Quando nella formazione entra anche il chitarrista Eric Bell, il trio prende il nome di “Thin Lizzy” e comincia a farsi notare nel circuito londinese per il rock duro e senza pudore.

Arriva subito un successo: “Whiskey In The Jar“. La formazione però è instabile infatti Eric Bell abbandona il gruppo e viene scelto al suo posto Scott Gorham e Brian Robertson.

Insieme i Thin Lizzy realizzano dei pezzi unici come “Jailbreak” e “The Boy Are Back In Town“.Col passare del tempo, a differenza degli altri gruppi hard rock, il suono dei Thin Lizzy si affina e ottiene sempre maggiore attenzione da parte della critica.

Dopo aver avuto nel gruppo un chitarrista quale Gary Moore i Thin Lizzy scelgono Snowy White. Il suo stile si riflette in “Chinatown” pubblicato nell’ottobre del 1980 e un anno dopo in “Renegade“.

Dopo la pubblicazione di questi due album, il leader del gruppo Phil Lynott decide di introdurre nella propria musica suoni heavy metal e chiama nel gruppo John Sykes. La svolta viene notata con l’uscita dell’album “Thunder and Lightning“, il miglior lavoro dei Thin Lizzy negli anni ottanta.

Ma Lynott sembra ormai pensare ad altri progetti ed è così che il gruppo si scioglie. Egli inizierà una carriera solista troncata però dalla sua prematura morte avvenuta il 4 gennaio del 1986.

Nel 1999 Sykes, Gorham e Wharton rispolverano il nome dei Thin Lizzy per una breve serie di concerti, da cui viene tratto il live “One Night Only“.

Ciò che stupisce dei Thin Lizzy è che nonostante essi abbiano avuto nel gruppo chitarristi quali Gary Moore e John Sykes, l’immagine del gruppo è stata sempre legata a Phil Lynott tanto che egli viene omaggiato in patria da anni con un gigantesco festival che diventa un raduno per coloro che amano il rock e soprattutto per migliaia di fan.

Ho avuto l’onore di ascoltare i Thin Lizzy al “Gods Of Metal” del 2007, purtroppo il nome di Phil Lynott potevo solo sentirlo quando John Sykes omaggiava la sua memoria. Ma non ci si può di certo lamentare ad ascoltare un’ora di classici che lasciano a bocca aperta tutti, da chi poteva conoscere e individuare le piccole imperfezioni a chi invece era li per la prima volta.

Un’esperienza davvero unica.