Archivio per commento canzone

QUEEN – FLASH (Flash Gordon)

Posted in Queen with tags , , , on 17 luglio 2009 by blackout87

Oltre ad aprire l’album questo brano è il motivo che funge da comun denominatore a varie scene della pellicola prodotta da De Laurentis. Il testo, scritto da Brian May, ripercorre i tratti salienti della figura del protagonista. Flash Gordon è un eroe buono, che combatte contro il male (il tiranno Ming) per farantire la salvezza del suo pianeta.

Si noti, anche in questo scenario, la riproposizione del contrasto tra il bene e il male, più volte in passato al centro di trame liriche dei Queen. La figura del supereroe viene giustamente mitizzata (“Flash/Re dell’impossibile”), ma evidenziando nel contempo la sua natura semplice (“Solo un uomo/ Col coraggio di un uomo”), in maniera da farlo apaprore come qualcuno di cui avere fiducia.

Sia per la performance vocake di Freddie he per la melodia avvincente, “Flash” è un pezzo che cattura dal primo ascolto ed è, con tutta probabilità, questa la caratteristica che fece propendere per esso al momento di scegliere quale singolo estrarre dall’Ip ( il alto B presentava invece lo stumentale  “Football Fight”)

Annunci

QUEEN – DON’T STOP ME NOW(Jazz)

Posted in Queen with tags , , , on 10 giugno 2009 by blackout87

Mancano tre anni al coinvolgimento della band inglese nella realizzazione della colonna Sonora di “Flash Gordon”, ma la fantascienza è già nelle preferenze dei nostri. Difficili infatti immaginare il Signor Fahrenheit diversamente da come personaggi con nomi del genere vengono dipinti in numerose pagine (sia televisive,che letterarie) di sci –fi. Anche se il desiderio “voglio fare di te un uomo supersonico” va nella stessa direzione, sensazione rafforzata del fatto che Mercury canta, tra l’altro, “sono un razzo alla volta di Marte”.

Don’t Sto Me Now” è stata il secondo tratto da “Jazz” (con “In Only Seven Days” come b- side).

QUEEN – WE ARE THE CHAMPIONS (News Of The World)

Posted in Queen with tags , , , on 7 giugno 2009 by blackout87

Assieme al brano che la precede in “New Of The World”, “We Are The Champions” ha assunto il carattere, nel tempo, di vera e propria “insegna” dell’”Armata regale”. Visto il testo, in cui Freddie afferma “siamo i campioni del mondo”, anche questa canzone ha avuto un utilizzo prevalente nell’ambito di manifestazioni sportive importanti.

In effetti, lo stesso Mercury, nel 1978, affermò di averla scritta pensando al calcio. Altre strofe, come quella in cui compaiono i versi “Ma non è tutto rose e fiori/ Non è stato un viaggio di piacere/ La considero una sfida di fronte/ All’intera razza umana” hanno però suscitato altre interpretazioni, in favore a volte degli omosessuali o di altre categorie considerate marginali.

L’autore del testo, però, ha sempre versato acqua sul fuoco, sostenendo che tutto possono identificarsi in “We Are The Champions”, dal momento che non esiste un riferimento particolare in essa, L’unica fonte di ispirazione ammessa è “My Way” di Frank Sinatra.

QUEEN – LONG AWAY (A Day At The Races)

Posted in Queen with tags , , on 31 maggio 2009 by blackout87

L’astronomia è una delle passioni più note di Brian May, che non disdegna alcuni richiami a quei moment in “Long Away”. Le liriche, come d’altronde si confà a qualcuno abituato a scrutare la volta celeste, sono assolutamente fataliste (“Chissà dove ci sorprenderà la luce del giorno?”) ed esortano a sbarazzarsi di tutti i cattivi pensieri di cui un essere umano è capace. Il riferimento alla luce va interpretato proprio in questa chiave.

D’altronde, nel linguaggio dei Queen, il “bianco” (quindi la luminosità) simboleggia il bene, la positività. Pertanto, “un milione di luci su di te” che “sorridono giù verso al tua casa” non possono che rappresentare il miglior augurio possibile.

Long Away” possiede anche una particolarità collezionistica. Il brano uscì infatti come singolo, ma limitatamente agli Stati Uniti. Si tratta dell’unico sette pollici dell’”Armata regale” in cui il cantante e l’autore corrispondano nella persona di May.

QUEEN – I’M LOVE WITH MY CAR (A Night At The Opera)

Posted in Queen with tags , , on 26 maggio 2009 by blackout87

Sembra proprio che le Quattro ruote di lusso esercitino un ascendente tutto particolare sui batteristi. Nick Mason dei Pink Floyd, nonostante i numerosi impegni derivanti da tour infiniti e da lunghe session in studio, non ha mai perso l’occasione per scorrazzare sulle strade del “countryside” inglese a bordo di una Ferrari o di una Bentley.

Roger Taylor, invece, è andato oltre, rendendo pubblica la sua passione per i motori e con questa “serenata” dedicata al suo “auto amore”. Le liriche sono tutte giocate sull’ebbrezza di un giro a bordo di “un’automobile da sogno, un’automobile così lucente/ Con i pistoni che pompano e i coprimozzi tutti luccicanti”. Niente a cui una donna possa avvicinarsi, neppur lontanamente, tanto che Taylor scrive: “Ho detto alla mia ragazza che dovevo  proprio lasciarla/Piuttosto comprami un nuovo carburatore”.

Il brano raccolse un grande successo, grazie anche alla sua pubblicazione nel 45 giri aperto da “Bohemian Rhapsody”.

 

QUEEN – KILLER QUEEN (Sheer Heart Attack)

Posted in Queen with tags , , on 25 maggio 2009 by blackout87

L’abilità di Mercury come compositore di liriche emerge splendidamente da questa canzone. Valsa al cantante il premio Ivor Novello, diretto dalla Songwrites Guild Of Great Britain, “Killer Queen” mira a dimostrare, secondo una spiegazione fornita dal suo stesso autore, come dietro alle facce raffinate delle ragazze d’alto borgo si celi molte volte un’individualità “di facili costumi/Allegra come una gattina”.

Pubblicato anche come singolo, il brano consacrò definitivamente la band inglese. La storia di colei che “tiene il Miet Et Chandon nel suo bell’armadietto” e i cui “profumi naturalmente arrivavano da Parigi” si pone quale ideale sequel della regina nera (la signora del male) cantata in Queen II.

Non a caso, nei concerti del gruppo successivi all’uscita di Sheer Heart Attack, questo pezzo e “The March Of The Black Queen” venivano eseguiti in una fulminante sequenza, un “uno – due” musicale talmente vigoroso da mandare chiunque al tappeto.